Montante,contro di me mafia e massoneria

Con investigatori, vertici dei servizi, politici e imprenditori ha avuto "soltanto rapporti istituzionali" legati "all'impegno antimafia e al percorso di legalità" avviato da Confindustria. Se "poi qualcuno ha fatto delle cose che io non so, la responsabilità è sua...". Così Antonello Montante, ex leader di Confindustria Sicilia, ai domiciliari per associazione per delinquere e corruzione, al Gip di Caltanissetta nega di l'accusa di avere creato una rete di 'spie' per raccogliere informazioni a scopo personale. La stanza dove sono stati trovati i dossier, la chiama "la stanza della legalità", ed era, spiega, "sempre aperta". Vanta la svolta legalitaria di Confindustria e fornisce una sua spiegazione sul perché dell'inchiesta dicendosi "convinto", che "chi ha innescato questo meccanismo" non siano "persone della mafia" contro le quali sostiene di lottare da una vita. O meglio: non soltanto Cosa Nostra, ma "qualche lobby molto più forte". E cioè "un' organizzazione di mafia e massoneria".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Live Sicilia
  2. Scomunicando
  3. Eco di Sicilia
  4. EnnaPress.it
  5. www.ntacalabria.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

San Teodoro

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...